NON FARE DELLA TUA VITA UN GIOCO

Archivio degli autori admin

Diadmin

Il gioco aggrava le situazioni di povertà ed emarginazione

La lunga e profonda crisi economica ha deteriorato il potere d’acquisto delle famiglie e determinato situazioni diffuse di povertà e disagio sociale, alle quali un forte aumento della tendenza ad “affidarsi alla sorte” ha visto associarsi l’attitudine al gioco assiduo, quando non patologico. Molti individui e famiglie che non dispongono più di risorse sufficienti alla conduzione di una vita dignitosa, hanno cercato nel gioco, anche d’azzardo, un rifugio ed una “chance” di riscatto, cadendo facilmente in un circolo vizioso di dipendenza e progressivo, ulteriore impoverimento e sovraindebitamento.

Le regioni del Mezzogiorno e le zone rurali presentano una più elevata incidenza, rispetto alla media nazionale, della disoccupazione e della sottooccupazione, della povertà e del basso livello culturale, come anche dell’infiltrazione nel tessuto sociale da parte di organizzazioni criminali, che prosperano sul gioco d’azzardo – legale e illegale – e sul connesso fenomeno dell’usura (il 10% dei giocatori patologici è vittima di usura). Per questo crediamo che sia necessario un impegno forte nelle attività di sensibilizzazione ed educazione al gioco responsabile.

Con particolare attenzione alle aree dove è più diffuso il disagio socio-economico, la campagna del progetto promuove modelli di comportamento e sistemi valoriali che contrastano le sottoculture atte a favorire la diffusione del gioco d’azzardo: la superstizione, la tendenza ad affidarsi al fato, l’indulgenza verso la malavita che in qualche modo alimenta il sistema economico locale. Il progetto veicola infatti un modello di interpretazione della realtà e di risposta individuale ai problemi sociali, basato su  agenti di socializzazione e contrasto alla devianza, come la pratica sportiva e la cittadinanza attiva, il ricorso al sostegno istituzionale e la solidarietà. In questo modo, si favorisce la percezione di alternative possibili al percorso di emarginazione inesorabile che chi si percepisce privo di speranza e di prospettiva può intraprendere iniziando a giocare d’azzardo.

Diadmin

La matematica “smonta” l’illusione del gioco

“ Vincere facile” è la grande promessa che attrae i giocatori di tutte le età e le classi sociali. Attrae specialmente, però, quelli che conoscono poco la matematica. Vediamo perché.

Innanzitutto, va detto che una bella fetta del gettito finisce in tasca all’erario in forma di tassazione; poi, una quota serve a pagare il lavoro degli addetti impegnati a tutti i livelli  di questa filiera “produttiva”; infine, una quota deve sostenere il profitto delle società di gioco, dei gestori delle sale di gioco, dei tabaccai ecc. Resta una quota in media del 75%, che viene trasformata in vincite per i giocatori. Tuttavia, le piccole e piccolissime vincite assorbono una rilevante porzione anche di questa quota, lasciando alle vincite significative una parte assolutamente residuale, sia in termini di valore assoluto che di numero di giocate vincenti. Quando il gioco dichiara la percentuale di giocate vincenti, tiene conto ovviamente delle piccolissime vincite,  che possono anche solo coprire il costo della giocata (i 2 o 5 euro con cui si riacquista sistematicamente un nuovo gratta e vinci) e che rappresentano la maggioranza assoluta. La loro funzione è proprio quella di incoraggiare ad ulteriori tentativi di gioco. Di fatto si tratta di uno strumento di marketing.

Marco Verani, professore di matematica al Politecnico di Milano, ha illustrato le possibilità di vincita del premio massimo in un gratta e vinci: “Per un tipo di Gratta e Vinci che si chiama “Il Miliardario” vengono emessi ogni anno 30 milioni di biglietti. Cinque tra loro valgono 500mila euro. La probabilità di vincere è una su sei milioni, quindi. È tanto? È poco? Davanti a un numero così piccolo la gente è un po’ persa”. Allora con una suggestiva esemplificazione ci ha chiarito le idee: “ Un gratta e vinci è lungo 15 centimetri: se li mettiamo, sei milioni uno accanto all’altro, otteniamo una fila lunga 900 chilometri, la distanza che separa Milano da Monopoli, in Puglia. Una fila in cui c’è solo un biglietto vincente”.

Morale della favola? Il gioco d’azzardo andrebbe guardato da un punto di vista razionale, non magico!

Diadmin

Perché si gioca così tanto?

La pubblicità del gioco d’azzardo è molto diffusa, anzi invasiva: alla tv, alla radio, sui manifesti formato gigante in strada, nelle manifestazioni sportive…e poi quell’offerta esorbitante di tagliandini nelle tabaccherie e punti Lottomatica…ci si ferma per prendere un caffè o fare una ricarica telefonica e si esce con qualche tagliando in tasca. Anche vietare l’installazione dei videopoker e delle slot machines è difficile, visto che i gestori dei giochi vincono sempre i ricorsi al TAR contro le ordinanze dei sindaci.

Come si frena allora la spinta al gioco che fa del nostro Paese il più dedito al mondo? In attesa di una coraggiosa decisione politica, che abolisca questa “odiosa tassa sui poveri” (come è stata definita) e permetta allo Stato di rinunciare almeno in parte al gettito del gioco, possiamo cercare di rendere le persone più consapevoli della questione principale: il gioco ha senso solo come passatempo occasionale, sfida “una tantum” alla fortuna (ma senza troppo impegno economico!), non come attività sistematica di ricerca della soluzione facile ai problemi. Nel lungo periodo, chi gioca regolarmente perde sempre e comunque, perché nel lungo periodo la fortuna non esiste! L’unica certezza è che con un numero alto di giocate, salvo realizzare l’improbabilissima grande vincita, si perde sempre.

Lo hanno dimostrato inconfutabilmente molti matematici, indignati del dilagare di un fenomeno che prima di tutto è figlio della poca dimestichezza con la matematica, la statistica e il calcolo delle probabilità in particolare.  Vi invitiamo a guardare alcuni interessantissimi video dimostrativi presenti sul sito della società TAXI 1729, che vi faranno sorridere ma anche pensare.

Diadmin

Il progetto

NON FARE DELLA TUA VITA UN GIOCO

Per l’educazione al gioco responsabile e la prevenzione delle ludopatie

: Adiconsum

Partners: Co.di.ci – Centro per i Diritti dei Cittadini, A.E.CI. Lazio ed A.E.C.I. NAZIONALE

Il progetto“NON FARE DELLA TUA VITA UN GIOCO”, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’annualità 2017 a valere sul Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel terzo settore di cui all’art. 72 del decreto legislativo n.117/2017, è realizzato da Adiconsum, Co.di.ci – Centro per i Diritti dei Cittadini, A.E.CI. Lazio ed A.E.C.I. NAZIONALE.

Il Progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare ed educare i consumatori in generale e i giovani dai 15 ai 25 anni in particolare, al gioco responsabile, solidale e legale, promuovendo di contro l’attività sportiva e i suoi ideali di correttezza, lealtà, sacrificio, trasparenza e rispetto delle regole del gioco, valori insostituibili da trasmettere ai giovani per prevenire e contrastare il fenomeno della ludopatia e delle altre forme di disagio ad essa correlate.

ll Progetto, con rilievo nazionale, pone particolare attenzione alle regioni del Centro-Sud, che presentano una maggiore incidenza dei fenomeni della ludopatia.

Il progetto Non fare della tua vita un gioco ruota intorno alle seguenti azioni e attività:

  • CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SOCIALE, attraverso il SITO WEB del progetto, gli altri CANALI DI COMUNICAZIONE, la BROCHURE per sensibilizzare l’attenzione dell’opinione pubblica generale e dei giovani in particolare, evidenziando sia i potenziali rischi economici che di dipendenza e facendo emergere le reali probabilità di vincita, cercando di abbattere la falsa credenza che “se non giochi non vinci”.
  • INDAGINE DEMOSCOPICA nazionale su un campione di 2.000 giovani, con focus sui giovani tra i 18 e i 34 anni, per andare ad approfondire la loro opinione e il loro comportamento relativamente al gioco d’azzardo nonché la loro percezione del rischio di dipendenza;
  • SERVIZIO DI INFORMAZIONI e supporto ai soggetti con possibili problemi di ludopatia, con l’attivazione di una Helpline di prima assistenza e orientamento, raggiungibile via telefono, chat ed indirizzo mail dedicato, promossi attraverso tutti i canali attivati con il progetto;
  • CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE attraverso un tour itinerante in tutte le Regioni italiane che prevede la realizzazione di 20 Flash Mob e 10 eventi in piazza o presso fiere, università e scuole, con uno stand multimediale e distribuzione di materiali e strumenti informativi (gadget, brochure, video). A conclusione del Tour, una conferenza-spettacolo finale per presentare i risultati e le attività implementate dal progetto con il coinvolgimento di rappresentanti del mondo istituzionale, accademico, associativo, mediatico nonché il pubblico dei consumatori, in particolare delle giovani generazioni. Sarà pubblicato un apposito calendario degli eventi.
  • MAPPATURA DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E DEI CENTRI SPECIALIZZATI NEL TRATTAMENTO DELLE DIPENDENZE allo scopo di informare sui centri che possono prendere in carico e trattare le vittime di ludopatia.

Collaborazioni: Associazioni di promozione dello sport, AMOVA (Associazione Medaglie d’Oro al Valore Atletico), Associazione Italiana Scacchi, Camere di commercio, Comuni, ASL, reti e iniziative di prevenzione della ludopatia, ISTITUTO PIEPOLI, A.E.C.I. NAZIONALE

Diadmin

ETSI GORIZIA SPORTING CLUB ASD

ASD ETSI DI GORIZIA SPORTING CLUB, Associazione Sportiva Dilettantistica che opera a Gorizia, affiliata FIPAV e US_ACLI, è nata con l’intento di promuovere la ginnastica organizzando gare sul territorio e corsi per bambini, ragazzi e adulti, con particolare attenzione al settore giovanile. L’attività è incentrata sia sulla definizione delle capacità motorie e fisiche degli atleti, sia sull’implementazione di quelle qualità personali che si acquisiscono quotidianamente affrontando sfide complesse.

Diadmin

AMOVA – Associazione Medaglie d’Oro al Valore Atletico

L’associazione Medaglie d’Oro è un’associazione Benemerita di Interesse Sportivo, riconosciuta dal CONI, che unisce e rappresenta in Italia e nel mondo tutti i più grandi atleti che il nostro Paese annovera fra i massimi protagonisti dello Sport: aderiscono all’associazione oltre 2.000 campioni olimpici, campioni mondiali e primatisti mondiali.

L’associazione ha come obiettivi primari la diffusione della pratica sportiva tra i giovani e la promozione dei principi e degli ideali del sano spirito agonistico come valori condivisi dalla collettività. Spirito di squadra, fairplay, correttezza, lealtà, coraggio, disciplina, spirito di sacrificio, determinazione, rispetto delle regole e dell’avversario, impegno e passione: questi i principi che le Medaglie d’Oro, attraverso la loro testimonianza diretta e il loro costante impegno, si propongono di veicolare come modelli di riferimento per la società e, in particolare, per i giovani.

L’associazione Medaglie d’Oro ritiene che investire risorse sui giovani sia il punto di partenza fondamentale per diffondere i valori rappresentati dallo sport e trasmettere dei modelli di riferimento positivi. In questo senso, l’associazione guarda alla scuola come a una grande fucina, in grado di produrre una numerosa schiera di possibili “eredi” dello sport italiano.

http://www.associazionemedagliedoro.it
Chiedi Aiuto
Il ChatBot di NFDTVUG